Acidi Grassi Polinsaturi Omega 3 e Omega 6

I lipidi nella dieta degli animali rappresentano la sorgente di acidi grassi polinsaturi a lunga catena. Questi grassi “buoni” sono indispensabili per il benessere degli animali per questo vengono definiti "essenziali" (EFA, Essential Fatty Acids) e poiché non sono prodotti dall’organismo devono essere assunti con la dieta. Gli acidi grassi essenziali si dividono in due principali famiglie: serie omega 3 e serie omega 6. 

  • LA SERIE OMEGA 3 comprende l’acido linolenico, l’acido eicosapentonoico o EPA e l’acido docosaesaenoico o DHA. EPA e DHA sono i più importanti acidi grassi a lunga catena della serie omega 3 e svolgono attività strutturali e funzionali. Questi grassi si possono trovare nel pesce.
  • LA SERIE OMEGA 6 comprende invece l' acido linoleico e l' acido arachidonico, non principalmente di origine vegetale. Il cane come la maggior parte dei mammiferi deve assumere l' acido linoleico e linolenico con la dieta anche se possiede una produzione endogena di acido arachidonico per allungamento e desaturazione della catena carboniosa dell' acido linoleico. Il gatto invece, non è in grado di sintetizzare l' acido arachidonico poiché a livello epatico gli mancano gli enzimi specifici. L’acido linoleico è essenziale per il mantenimento delle funzionalità della cute poiché regola la permeabilità all’acqua. E' inoltre il precursore di numerose altre sostanze che intervengono nella crescita, nel corretto mantenimento delle membrane cellulari, della cute e del pelo, oltre a favorire il trasporto dei lipidi nel torrente ematico. L’acido arachidonico è indispensabile per le funzioni che dipendono dagli eicosanoidi, come la funzione riproduttiva e l’aggregazione piastrinica. Dall’ acido arachidonico, a seguito dell’azione delle cicloossigenasi e delle lipoossigenasi, si formano le prostaglandine e i leucotrieni, composti che intervengono nei processi infiammatori e nella funzionalità del sistema immunitario e nel metabolismo dei trigliceridi e del colesterolo. Una carenza di acidi grassi essenziali comporta la comparsa di alterazioni a livello cutaneo con conseguenze negative sia per la cute che per il pelo. Queste sostanze, infatti, intervengono sia nel mantenimento della barriera epidermica che nella velocità di ricambio delle cellule cutanee. La carenza di questa componente, nella dieta di soggetti giovani, può determinare anche ritardi nell’accrescimento.

La corretta assunzione degli acidi grassi omega 3 e omega 6 :

  • Favorisce una corretta funzionalità della cute                                                                                     
  • Protegge il sistema cardiovascolare
  • Attenua le reazioni infiammatorie 
  • Promuove la vitalità delle cellule del sistema nervoso centrale
  • Aumenta le difese immunitarie

 

TORNA SU